PREMIO DIRITTI UMANI

Abbiamo assegnato ufficialmente il Premio Diritti Umani di Operation Daywork 2021/2022!

Il vincitore è l’associazione guatemalteca ASOREMI (Asociación Red Organizaciones de Mujeres Ixhiles). L’Associazione Rete delle Organizzazioni delle Donne Ixhiles è una rete formata da 9 organizzazioni di donne difensore dei diritti umani che operano nella regione di Ixil, nel dipartimento di Quiché, in Guatemala.

Il loro scopo è di migliorare la situazione di tutte le donne senza diritti, affinché siano loro a decidere per il loro corpo, loro a potersi sostentare economicamente ed autonomamente; perché possano decidere delle proprie vite e perché possano continuare a lottare per sradicare la violenza di genere di ogni tipo. La missione principale della Rete è di facilitare la comunicazione e la collaborazione tra le associazioni delle donne ixhiles e rafforzare le loro capacità di gestione, organizzazione e  sposorizzazione di progetti di sviluppo delle donne tenendo conto di vari aspetti, tra i quali, quello sociale, culturale, economico-produttivo e politico (rappresentando quindi un’alternativa politica autogestita). 

Le partecipanti alla Rete, sono partire dalla loro esperienza personale e le loro riflessioni sulle condizioni generali di vita delle donne della regione e in seguito hanno beneficiato di formazioni e programmi di rafforzamento delle loro capacità per migliorare il loro lavoro che mira ad aiutare altre donne che affrontano situazioni di violenza: veniva così fondato il Centro di Assistenza alle Difensore delle Donne Ixhiles.

 

ASOREMI cerca di lavorare in partnership con organizzazioni e gruppi di donne che abbiano sede nella loro stessa regione per rafforzare e promuovere lo sviluppo integrale e la partecipazione delle donne in tutti gli ambiti sociali e nella costruzione di una cultura di pace nel loro distretto. Oggi sono un punto di riferimento per tutte le donne vittime – così come le vittime supersititi – di violenza di genere nella regione.

 

Solo lavorando insieme e in rete si possono cambiare le cose alla radice: è con questa visione che ASOREMI ha tessuto una forte rete solidale tra le organizzazioni locali, nazionali e internazionali, coinvolgendo anche le singole donne che partecipano alle attività. La Rete è infatti un’entità autonoma e privata senza scopo di lucro, laica e apartitica. È formata da rappresentanti e leader di 9 associazioni femminili che costituiscono l’Assemblea Generale ed eleggono la Giunta Direttiva.

 

Con un approccio incentrato sulla cultura di genere, ASOREMI prevede:

– supporto psicosociale e counselling per donne sopravvissute alla violenza di genere sia nelle attività di denuncia, così come nell’orientamento e nel potenziamento economico;

– mediazione e risoluzioni alternative dei conflitti;

– sensibilizzazione, rafforzamento delle capacità e formazioni della popolazione in generale e di gruppi specifici e di attori chiave, attraverso eventi pubblici, workshop, e approfondimento della comunicazione sociale per promuovere l’uguaglianza di genere e condannare ogni forma di violenza di genere in tutti gli ambiti della società.

 

 

Abbiamo deciso all’unanimità di premiare questa Associazione guatemalteca anche perché crediamo che anche nel nostro paese e in contesti locali, la violenza di genere sia ancora troppo radicata nella nostra società e in tanti aspetti economici e culturali. Siamo lieti perciò di approfondire durante le attività del prossimo anno le suddette tematiche, e di sensibilizzare la nostra società civile su questi temi fondamentali per promuovere una cultura di pace e di rispetto delle differenze di genere anche nei nostri contesti locali.

 

Questa è la loro pagina Facebook che vi consigliamo di visitare: https://www.facebook.com/redmujeresixiles/

Come siamo giunti fino a qui?

Dal 2007 Operation Daywork EO sostiene annualmente un progetto di cooperazione allo sviluppo scelto all’assemblea generale. Dal 2015 il Consiglio di Operation Daywork EO ha deciso di conferire un premio diritti umani anziché sostenere un progetto, finanziato come sempre dai proventi della giornata d’azione. La spinta per questo cambiamento nasce dalla difficoltà da parte di OD di instaurare un’approfondita relazione con il partner locale del progetto negli anni successivi al finanziamento.

Grazie al premio diritti umani Operation Daywork EO si pone in contatto diretto con l’organizzazione partner che riceverà il premio affinché possa svilupparsi un rapporto solidale e di fiducia.

Il premio diritti umani faciliterà inoltre le attività di sensibilizzazione di OD poiché si dirigerà l’attenzione verso diverse problematiche, dando voce ai difensori dei diritti umani, incoraggiando altre persone a fare lo stesso.

La selezione del vincitore del premio diritti umani, così come la campagna di sensibilizzazione, rimangono invariati. OD pubblica ogni anno un bando per la nomina della candidatura, al quale sono invitate a partecipare in particolare le organizzazioni e le persone private che intendono nominare un candidato al premio. Prima dell’assemblea generale di OD, verrà effettuata una preselezione e all’assemblea generale giungeranno 3 finalisti al premio. I finalisti sono invitati a indicare quali attività concrete e progetti realizzeranno con la somma del premio. Il vincitore dovrà venire in Sudtirolo e Trentino per la successiva campagna di sensibilizzazione e contribuirà all’elaborazione dei materiali didattici

Attraverso il Premio diritti umani auspichiamo una maggiore partecipazione degli studenti e delle studentesse alla giornata d’azione, in quanto motivati a sostenere direttamente delle persone attive nel campo dei diritti umani.

Quali obiettivi vogliamo raggiungere

Vengono onorate persone, organizzazioni, movimenti o gruppi informali che si contraddistinguono per il loro impegno nella società civile e l’attenzione ai diritti umani universali. Con il conferimento del premio Operation Daywork EO intende riconoscere questo coraggioso impegno che spesso comporta importanti rischi.

Attraverso questa onorificenza non sarà solo riconosciuto il valore dell’impegno individuale o dell’organizzazione, bensì servirà anche per aumentare la consapevolezza nella società civile. L’obiettivo è dunque quello di far conoscere i difensori dei diritti umani e incoraggiare altre persone ad impegnarsi in questo campo.

Il premio è assegnabile a persone singole, organizzazioni, associazioni, gruppi informali, comitati, unioni, fondazioni e cooperative che non hanno scopo di lucro.